Ricerca libera
Dove ?

Tarli dei mobili, come eliminarli

I  tarli dei mobili sono insetti frequenti in tutte le case in cui sono è presente il legno, sia nei mobili che nelle travi o nel parquet.

tarli dei mobili appartengono alla famiglia dei coleotteri e possono essere di diverse  specie:
  • femmina del capricorno (hylotrupes bajulus) grande 8-20 mm;
  • anobia (anobium punctatum) 3-5 mm;
  • lyctus (lyctus brunneus) 3-6 mm;
  • vespa del legno (sirex juuencus) 15-30 mm;
Le misure dei tarli dei mobili variano molto da un insetto all’altro, per cui cambiano anche le dimensioni dei loro fori e gallerie all’interno del legno.

Nei mobili di antica fattura generalmente si trovano i tarli anobia e il lyctus che scavano dei corridoi irregolari, riempiti da segatura finissima e escrementi, mentre i fori d’uscita possono oscillare da un diametro di uno o due millimetri.
Le gallerie prodotte dai tarli dei mobili seguono la direzione della venatura del legno, con una particolare predilezione per le parti più chiare e tenere, infatti, sono più semplici da scavare per questi insetti.

Il ciclo del tarlo:
durante la primavera, la femmina di tarlo depone poi le sue uova nelle fenditure e negli interstizi del legno. Non appena le uova si schiudono, le larve dei tarli dei mobili iniziano il loro cammino verso l’esterno producendo le gallerie. Con il materiale di recupero degli scavi delle gallerie, in due anni il tarlo passa dallo stadio di larva a quello d’insetto adulto.

Una volta adulti e muniti d’ali, i tarli possono volare via alla ricerca di compagni per l'accoppiamento e di altri mobili da intaccare, dando così inizio ad un nuovo ciclo.
Il primo segno della presenza dei tarli dei mobili, oltre al caratteristico ticchettio, sono dei cumoli di di segatura finissima vicino agli stessi mobili.
Altro segnale importante della presenza degli insetti sono i fori che  saranno di un colore molto chiaro, se testimoniano la presenza ancora attiva, dei tarli all'interno dei mobili.

Metodi risolutivi - trattamento antitarlo:
inizialmente, è bene verificare se oltre al mobile infestato non ve ne siano altri, in qunato intervenire solamente su uno lascerebbe irrisolto il problema.
Si passa dunque, all'intervento vero e proprio, svuotando eventualmente  il mobile, e smontandolo se possibile.

Quindi con uno straccio inumidito di essenza di trementina, da reperire in commercio, si ripuliscono gli eventuali residui cerosi presenti sulla superficie.
L'anti tarlo da utilizzare dovrà essere indicato in maniera specifica per le superfici lucidate, se il nostro mobile presenta lucidatura.
 Il metodo di applicazione è molto semplice: con un pennello bisognerà distribuire il prodotto anti tarlo in ogni parte, ovunque, facendo attenzione ad eventuali stoffe o materiali diversi dal legno, presenti nel mobile.

Per quanto riguarda i fori dei tarli dei mobili, è preferibile iniettare il prodotto anti tarlo con una siringa monouso, così da eliminare eventuali tarli vivi presenti nelle gallerie del mobile.

Lasciamo asciugare per circa un giorno e poi ripetiamo tutta l'operazione una seconda volta.
A questo punto se i fori dei tarli dei mobili non sono molti, utilizzate per richiuderli dei bastoncini di stucco a cera del colore più simile al legno mobile. Se i fori sono tanti e, nonostante la ripetizione delle operazioni, continuate a sentire i tarli al lavoro nei mobili, è opportuno rivolgersi a ditte specializzate nel recupero e nel restauro di mobili infestati.
Contattaci per parlare con un tecnico specializzato, per un preventivo e/o un sopralluogo per risolvere il tuo problema di infestazione rapidamente! Operiamo in tutta Italia.

Servizi disinfestazione

  • Derattizzazione
    Derattizzazione
  • Deblattizzazione
    Deblattizzazione
  • Allontanamento Piccioni
    Allontanamento Piccioni
Dea Informatica - Via Camillo Tosi 1/A - Busto Arsizio 21052 VA - P.IVA 12471770151
Contattaci
cookies policy